Il vero artista

Il vero artista è un pazzo
che si riconosce dalla sua pazzia
la stessa che anima le mani
il calco dei lavori suoi
come una frenesia di fare
dire plasmare trasformare
il vero artista è un dio
che dal nulla crea
come dal fango la sagoma del corpo
una meravigliosa idea.

Annunci

Io dico che rotola

Io dico che rotola
come camaleonte che avvolge la lingua
sgancia il fringuello sulla farfalla
come un serpente che sibila spire.

Basta che il fiume attenda
scorre un fatto di cadaveri e sponda.

Io dico che affonda
e non è chiaroveggenza solo un briciolo di conoscenza
caduta dal piatto di Dio.

Qualche volta penso

Qualche volta penso
che non potendo intervenire sui tifosi
demolirei gli stadi
rischierei il linciaggio oppure la rivoluzione
scioglierei ogni forma di società e associazione
vieterei i campionati nazionali e internazionali
così che il calcio fosse nei campetti
giocato da quattro ragazzetti
vorrei che fosse semplicemente un gioco
come vorrei che scomparisse ogni forma di corruzione
in compenso di tanto scempio ho preparato uno dono
vorrei che l’uomo fosse uomo.

Ci sono giornate dominate

Ci sono giornate dominate dal senso del ridicolo
una cosa mista al patetico e poi
da una speciale inutilità
quelle sono le giornate prostrate del poeta
ve ne regalo quante volete
dentro ci trovate pena e pazienza
il senso di una quieta rovina
mista a un quarto di catastrofe
una dose potente di disprezzo
una ventina di chiodi di garofano
questi ultimi nella funzione naturale di anestetico
la spremuta di tre limoni per antiemetico
il tre nella funzione scaramantica della perfezione
il quarantadue per cento di depressione
la previsione che domani
passata la bufera
saranno reliquie di tanto scempio
il reflusso gastro-esofageo
il dono della consapevolezza
la dominazione perfettibile della parola.