C’era un angelo muto

Alessandro Tocco

(foto di Alessandro Tocco)

C’era un angelo muto
con la bocca di pietra
smangiata consunta
aveva le labbra
tormentate dal vento
le braccia levate
gli occhi al suo fianco
era dentro una foto
in bianco e nero
di marmo.

Bisogna farsi bavaglio
davanti a un angelo muto
nella gola annegare
sprofondando tra i denti
non avere parole
e nemmeno ruscelli
spegnere il sole nel buio
coniugare in più tempi
in tutti i modi possibili
il verbo tacere.

Ammutolire fino al profondo
fino ai polmoni  al bacino
alle dita dei piedi
alle radici alla terra
al silenzio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: