Trittico del sopruso

 Noi nasciamo dal sopruso

quello versato sugli occhi ogni volta

dalla nascita al giorno di natale

quando aspettiamo ogni volta

che spuntino le primule

le ali sulla schiena

la catarsi

allunghiamo le braccia verso il sole

e germogliamo penne dal futuro

 

Dal sopruso nasciamo e dalle pietre

maturate al sole di gennaio

come guerrieri sconfitti

teste tagliate

trentasei denti d’Idra

nella terra seminati

biancore che fiorisce dal suo sangue.

 

Lucente fiorisce

e nelle ossa trema

il freddo in trasparenza

il gelo

il cuore che sfiancato tiene

battendo duro nel tallone

per i veli in superficie

per le coperte

per la neve che dorme

per la radice

per le zolle rivoltate

fino all’imo

per il silenzio delle piume

che divora la carne

che impressiona.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: