Noi che viviamo compatti

Noi che viviamo compatti. Blaterando contratti nel vuoto. Noi litighiamo ogni volta abbaiando per poco.  Nelle stanze seminiamo vestiti. Le cinture le scarpe i capelli.  Noi che aggrappati restiamo. Resistendo alla piena. Con gli ombrelli alla pioggia all’estremo. Sempre uniti o distanti. Instupiditi o distratti. Sopraffatti. Conduciamo in coraggio il percorso. Alla fine alla curva all’incrocio. La salita il fosso l’abisso. La montagna a scalare. Ogni colpo lasciato ogni treno. Ogni sogno o speranza perduta.  Ogni uomo per strada. Ogni donna. Con un gancio legato a una corda. Noi solleviamo ogni giorno. La trincea dell’assalto e la guerra. Noi che laviamo lenzuola. E stiriamo le pieghe gli stracci. Salutiamo educati il vicino. Cuochi ai fornelli. Operai incolonnati. Studenti. Come tanti impiegati. Massa amorfa del nulla. Macerata dal quando. Che poi suona per tutti. Alle cinque la sveglia. Ci leviamo ogni giorno. Mentre l’alba arrossisce. Assonnati. Gli occhi bassi all’asfalto. Mani in tasca e la nebbia. Ogni volta daccapo.  Come il fumo il vapore. Una ruota di pozzo. La ghiera dell’ora. Crepitare di neve d’inverno. Afa d’estate. Olio giallo a inondare. Noi che per l’ultimo soffio. I remi a vogare. Affogati navigando nel mare. Saccheggiamo assetati. L’infinito del niente a echeggiare.

Crepitare di sillabe

Crepitare di sillabe distratte

innumerevoli nomi a chili

legati esatti transitati

nel neo bruno dei vostri pronomi

nei varchi stesi sulle acque

nelle esequie di processi verbali

trascritti  per sublime sintesi dei fatti.

Resurrezioni di lazzari deposti

velati ossari

la moltitudine  dei no  

a costellare in ripetizione

l’onda ossessiva  di risacca.

Immolarsi senza requie

stringere i pugni in bianche nocche

sull’ulna addormentarsi 

sopravvivendo al rifiuto

un’altra notte.

Kermesse

http://dailymotion.virgilio.it/swf/xccb3r
Faraòn Meteosès "KERMESSE" (vers. integr. Creative Commons)

Si dia il via allaudizione!

– … prego… mi si presti attenzione!

– … laccesso in platea… è per una ghinea!

… per voi Signore e Signori,

amici critici, validi autori

… un momento di Kermesse

… je suis votre Entraîneuse!

– (… shhh) … siiii… sono in incognito

… vostro liquido poetico-amniotico

… che importa se nata in vitro o clonata o ibernata,

sono una spuria velleitaria alienata e illetterata,

provocante e controproducente:

allibita dai rotabili tipografici,

illibata nei rotocalchi chilometrici,

concepita in repetita iuvant, ai relata refero referente

nel travaglio mi sfilerò il bavaglio

e… sil vous plait… pardon! … alla sans façon

… viados in topless, ve la do gratis

… eccezionalmente per questa Kermesse

… je suis votre Entraîneuse!

Sono Dada-seminuda-asessuata,

omelette e sans-culotte in pallacorda, in avanguardia

al Bordellone editoriale

di Vossignoria ed Eccellenza e non mi cale

il sottopancia che mi trancia, nellAvatar da porno-star,

si, sono una stanga… di losanga,

oca rampante dal sorriso disarmante,

che si spampana e si spompina della rima

e godo a modo come un fromboliere familiare al lessico,

rustico di poeticherie di porcherie,

 procace se vi piace e Travestito

nelle grotte azzurre di Falloppio,

nelle trombe metalliche di Eustachio

… sono la Violetta-Maddalena-Traviata e Salomè,

dal Monte Pimpla, venuta qui direttamente

… la Miss Blenorrea della Poesia,

per questinsolita Kermesse

… je suis votre Entraîneuse!

Per via orale, ho la tradizione, che trasmetto,

per altre do, la prestazione, che prometto

essere discreta, ad effetto disponibile e speciale

… del resto… ho due o tre parole ancora in bocca,

di riserva… quattro, cinque sul di dietro della scocca,

senza peli di creativa cheratina sulla Lingua-Menelik!

… elefante marino di prolattina sul batik,

indigesto di barriti di vocali e consonanti,

non essendo consono, sono chiunque, se vi pare

così… per LUDUM DICERE,

non posso tacere, né soprassedere

se vi tocco il comune senso del pudore

in un breve momento di Kermesse

… pourquoi… pourquoi… je suis votre Entraîneuse!

E poi ho penne e piume di cotenna e cotillon,

lustrini e strass, la silhouette con le paillette:

sarei lo Charmant delle Performançes, se mi lasciate un obolo

vi cadrò a fagiuolo, confagricolo e folcloristico,

vi darò il colpo di frusta e della strega, scoderò di grazia,

uccidendo lUomo morto per lEstrema Unzione con lunguento,

che mi invento senza vanto e vaselina

e… «Muy encantado-Signorina!»

Ne m’en veuillez pas… pour cette Kermesse

… je suis votre Entraîneuse! 

 

di Faraòn Meteosès da Psicofantaossessioni edito da Lietocolle

Sdegno e stasi – La scatola che ci plasma e ci svuota

Li segnalo insieme perchè sono da leggere in relazione: sdegno e riflessione o viceversa.

tratto da qui

Sdegno e stasi

by maebasciutti

"Ora è vero che proprio per le cosidette leggi dell’avanguardia nessuna situazione può essere congelata, nessuno stile innovatore può sopravvivere tanto tempo senza diventare a sua volta accademia, comunque è anche vero che il pericolo in cui l’avanguardia sempre incorre quando tenta di andare avanti è tornare indietro. Di questo pericolo la neoavanguardia italiana è sempre consapevole? La risposta è dubbia.” continua a leggere

tratto da qui

La scatola che ci plasma e ci svuota

di Stefano Guglielmin

Specchio delle brame da tardo impero, piccolo Eliogabalo arbasiniano, che attraversa l’età trista contemporanea, schizzando fuori dalle orbite i propri figli irriconoscenti, pagati bene solo se imbraghettati nel signor sì di regime, la tv italiana, mai come ora, mostra tutto il suo sugo da porcile a condire un bilateralismo catodico, dove la virtù infiamma nelle scoregge seriali – dai pacchettari raiuno ai caini analfabeti, dai tgquattro naziona-populisti ai baccanali linguastici camuffati da talk show – ed il vizio s’incarna nella debolezza troppo umana (Morgan che s’infatua per il miraggio olfattivo, mortificando le vibrisse; Marrazzo che cerca la rima fra le gambe, a Vigna Clara) o nello sberleffo sopraffino, come quando, a La prova del cuoco, Beppe Bigazzi, (ex amministratore delegato della Lanerossi) insegna a cucinare il gatto, strappando l’anima e l’ostia a tutti i buoni della penisola, vicentini compresi. continua a leggere

Lo stupro dell'anima

Non chiedetemi perchè, so solo che mi affascina. Questo racconto di Valter Binaghi probabilmente, a livello inconscio fa emergere dalla mia memoria qualcosa che io però non ricordo.

tratto da qui

Lo stupro dell’anima di Valter Binaghi

Se penso a uno stupro, al momento in cui la mia vita ha subito una violenza così odiosa, non mi viene in mente alcun tipo di molestia sessuale, ma proprio qualcosa perpetrato “a fin di bene”, un Natale di tanti anni fa.
Avrò avuto sei o sette anni. Nelle ultime settimane dovevo avere esagerato coi capricci infantili, perché mia madre mi aveva battuto un paio di volte (usava la ciabatta sulle coscine nude, ma non è che facesse troppo male, infatti io subivo la punizione e continuavo peggio di prima). Un giorno, esasperata, aveva minacciato di spifferare tutto a Gesù Bambino che, passando da casa nostra la notte fatidica, a me avrebbe lasciato solo carbone. Io me la ridevo, o meglio fingevo di assumere un atteggiamento compunto, ma dentro di me sapevo benissimo che Gesù Bambino era al di sopra di queste meschinità; al catechismo insegnavano che Gesù era stato buono fino a lasciarsi crocifiggere, aveva salvato in extremis perfino il ladrone e perdonato i nemici, e poi amava i bambini, anzi nel suo Regno ci voleva solo dei mocciosi come me, perché noi si che sapevamo come farlo divertire. continua a leggere

Lui ha un segreto a scomparsa

Lui  ha un segreto a scomparsa. Lei ne raccoglie le gocce. Piove stanotte. Sui fiori le cosce. Nude sui fianchi. Penduli seni ondeggianti. Le radici frementi hanno un nucleo vitale. Sulla neve una macchia. C’è del rosso nel corpo. Un ricamo di brina. Filigrana  e velluto. Di sangue. Forse un crollo che sboccia. In gara col sole. Di petali e luce.
Lei lo avverte. Fa la mira più alta. Lui ha uno sguardo preciso. Verso un punto diretto del cielo. Non nasconde la bocca. E’ che lei non la vede. Ha la guardia serrata. Più dura che chiusa. Solo gli occhi a brillare farina. Lui ha le mani blindate. Un esempio di muro. Non fa doni. Pressa sempre bisogni. Lei li vede e soccombe.
Lui ambisce di tutto. Lei di star bene. Non si vedono oltre. Lei parla piano piega sempre la testa. Non s’arrende. Lui parla forte alza sempre la testa. Non s’arrende. Si sorridono al buio. La promessa del fuoco. Un anello che lega. E’ un battesimo il primo.  Si attendono al varco. La foce del delta. Si chiamano  a volte. Senza far nomi. Distanze incolmabili svettanti nel vuoto.