Trema

Trema alle ossa e nel boato

trasfigura

il vuoto cieco di paura.

Buco che gambe molli

fiato che corto strema

sfonda  la notte e crolla

di sabbia cade a mucchi

scossa che frana i nervi

e a crepe sventra muri.  

 

Terra del generato indegna

umano impasto oppresso

nel corpo compassione

bianco di calce e dita al braccio

nel luogo rotto abbandonato.

La veglia appresso è muta

di dolore senzatetto

nel sangue lesionato.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: