Vento

Non c’è nessuno che transiti di qua

per questi ambienti informi

piani sperduti contorti isolamenti

occhi vuoti alla finestra sulla strada

e rovine d’assenza circonflessa

del resto  era già scritto

nel conto esibito dell’inverno

a dicembre al massimo gennaio

che non restasse niente nella casa

che la memoria divorasse tutto

come un vento che cigola e l’attesa

a spezzare imposte ed ululati

di fessure aperte

dimenticate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: